Arte e Potere, in dialogo con Federico da Montefeltro, a cura di Vittorio Sgarbi

Urbino, Palazzo Ducale, Sale del Castellare

1 ottobre 2022 – 8 gennaio 2023

La mostra alle Sale del Castellare di Urbino celebra i 600 anni dalla nascita del duca Federico da Montefeltro con un’esposizione di opere contemporanee, per stimolare la riflessione sul rapporto da sempre forte tra arte e potere, tra artista e committente in ogni campo, dalla politica alla finanza allo sport.

In mostra le sculture di Giuseppe Bergomi, Bertozzi & Casoni, Tullio Cattaneo, Giuseppe Ducrot, Marco Lodola, Igor Mitoraj, Livio Scarpella e Ivan Theimer.

A seicento anni dalla nascita del duca Federico da Montefeltro, avvenuta nel 1422, Urbino celebra il suo grande signore, condottiero e umanista con una mostra di arte contemporanea che pone l’attenzione sul rapporto tra gli artisti e i potenti in ogni campo, dalla politica alla finanza allo sport. È stata inaugurata, alla presenza del Ministro del Turismo Massimo Garavaglia, la mostra “Arte e Potere. In dialogo con Federico da Montefeltro” alle Sale del Castellare di Palazzo Ducale. Sarà visitabile fino all’8 gennaio 2023.

La mostra, a cura di Vittorio Sgarbi, parte dalla figura di Federico da Montefeltro, tra i principali mecenati di ogni tempo, che fece di Urbino la culla e il centro del Rinascimento. Nelle Sale di Palazzo Ducale sono esposte ventisei opere contemporanee di Giuseppe Bergomi, Bertozzi & Casoni, Tullio Cattaneo, Giuseppe Ducrot, Marco Lodola, Igor Mitoraj, Livio Scarpella e Ivan Theimer, prodigi di tecnica, virtuosismo e di invenzione. Si tratta di sculture realizzate su commissione, pubblica o privata, per celebrare un fatto o qualificare un luogo o ancora per esaltare la gloria individuale. E per capire quanto la grandezza possa trovare ancora nell’arte un mezzo per rappresentare se stessa e quanto il potere possa essere impiegato per migliorare il mondo.

Il curatore Vittorio Sgarbi: «Così come si celebra ovunque l’arte contemporanea nelle grandi città del mondo, sarebbe sembrato provinciale ritenere Urbino un mausoleo o un memoriale di una grandezza perduta, non intendendone la condizione e il ruolo di capitale ideale (e reale) anche nel nostro tempo. È proprio per questo che ho voluto proporre, nello spirito di attualità dell’esempio di Federico da Montefeltro, la mostra su “Arte e potere”, evitando il facile riferimento ai monumenti nelle piazze stabiliti grazie ad appartenenze politiche o all’alibi di soggetti di esaltazione di valori civili, in chiave prevalentemente retorica, dopo la stagione della celebrazione degli eroi risorgimentali. Una selezione di artisti liberi, di eccezionale qualità, che abbiano operato in regime di commissioni pubbliche, senza nascondersi dietro la copertura e l’impegno sociale, ma in nome dei valori assoluti della invenzione, della creatività e della bellezza».

Dice il sindaco di Urbino, Maurizio Gambini: «La nuova mostra curata da Vittorio Sgarbi aggiunge un importante elemento alle celebrazioni per i seicento anni dalla nascita di Federico da Montefeltro. Con questa esposizione si rompono gli schemi classici dell’analisi di un periodo storico. L’attenzione è puntata sul personaggio, sul ruolo del Duca come committente di opere d’arte, sul suo modo di esprimere il potere attraverso l’arte e la bellezza. Qui Federico è presente come forza intellettuale, creando un parallelo fra le grandi committenze del Signore del Rinascimento e quelle a noi contemporanee».

La mostra è realizzata dal Comune di Urbino, con il sostegno e il patrocinio del Comitato nazionale per la celebrazione del sesto centenario della nascita di Federico da Montefeltro, e dalla Regione Marche, in collaborazione con la Galleria Nazionale delle Marche. L’organizzazione è affidata a Maggioli Cultura.

La mostra “Arte e Potere” offre l’occasione di interrogarsi sui nuovi modelli di affermazione sociale ed economica e di verificare in quali forme la produzione artistica sia possibile, più o meno liberamente, nei confronti del committente. Il visitatore può ammirare ad Urbino opere celebrative come il “Mario Balotelli” di Livio Scarpella, autore anche del monumento a Niccolò Paganini e del “San Bartolomeo”. Svetta la stele bronzea di Ivan Theimer realizzata in onore di Vittorio Sgarbi per la violazione dell’embargo in Libia, posta in dialogo con il busto spezzato di Igor Mitoraj e le due sculture di Tullio Cattaneo per le nicchie della navata laterale della cattedrale di Noto, il “San Matteo” e il “San Giacomo Maggiore”. Le ceramiche policrome di Bertozzi & Casoni omaggiano invece le quattro stagioni di Arcimboldo aggiungendone una quinta, le sculture di Giuseppe Bergomi raffigurano santi e allegorie, mentre Giuseppe Ducrot è in mostra con un “San Matteo” in bronzo. Luminosissima, infine, la scultura in lamiera zincata e led di Marco Lodola dai colori pop e forme sintetizzate, tipica del suo stile vintage anni ‘50.

Come sottolinea il curatore Vittorio Sgarbi: «Si tratta di alcuni ancora rari e notevolissimi esempi di commissioni pubbliche che contemplano insieme l’esigenza celebrativa e la libertà creativa degli artisti. Proprio in questo spirito, di fertili e fruttuosi rapporti fra arte e potere, in una grande città rinascimentale che riafferma la propria presenza nella contemporaneità, si ripete l’esempio, nel modo più originale e stimolante, senza retorica commemorativa, di Federico da Montefeltro».

Con la mostra “Arte e Potere. In dialogo con Federico da Montefeltro” la lettura del grande duca di Urbino si attualizza. Celebra la gloria eterna di un modello politico fondato sul potere e sulla forza, che trova nella cultura e nell’arte la maniera sublime di rappresentarsi e di parlare al mondo.

Un rapporto oggi difficile da immaginarsi e che con Federico da Montefeltro portò un fervente, produttivo ed unico clima culturale.

COORDINATE MOSTRA

Titolo: “Arte e potere. In dialogo con Federico da Montefeltro”

Sede: Palazzo Ducale, Sale del Castellare – Urbino

Data: 1 ottobre 2022 – 8 gennaio 2023

Orari di apertura: lunedì 10-14 / da martedì a domenica 10-18. Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura.

Biglietto: Solo mostra: intero euro 8, ridotto euro 2; Cumulativo Mostra – Galleria Nazionale delle Marche: intero euro 12, ridotto euro 3. Ingresso ridotto: cittadini dell’Unione Europea di età compresa tra i 18 ed i 25 anni; cittadini non comunitari di età compresa tra i 18 ed i 25 anni, a condizione di reciprocità nella riduzione; convenzionati. Ingresso gratuito: fino a 18 anni di età, docenti delle scuole statali; membri I.C.O.M. (International Council of Museums); guide turistiche dell’Unione Europea munite di licenza professionale; interpreti turistici dell’Unione Europea quando occorra la loro opera a fianco della guida; personale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, gruppi di studenti delle scuole pubbliche e private dell’Unione Europea accompagnati dai loro insegnanti, previa prenotazione, nel contingente stabilito dal museo; docenti e studenti appartenenti a facoltà di Architettura, Conservazione dei beni culturali, Scienze della formazione, Lettere e filosofia (corsi con indirizzo archeologico o storico artistico), Accademie di belle arti; allievi dell’Istituto Centrale per il Restauro, dell’Opificio delle Pietre Dure, della Scuola per il Restauro del Mosaico; giornalisti di stati membri dell’Unione Europea muniti di tesserino dell’ordine; cittadini dell’Unione Europea portatori di handicap documentato, compreso l’accompagnatore; cittadini stranieri di età inferiore a 18 anni, a condizione di reciprocità nella gratuità.

Per informazioni: Info Point IAT tel. 0722 378 205 / 0722 2613 – info@vieniaurbino.it

http://www.vieniaurbino.it

Sara Stangoni

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...