SONDARE L’ALTROVE – Etica magnetica

SONDARE L’ALTROVE – Etica magnetica. Invito

Sabato 21 maggio nello studio fotografico Pelicula, come flash exhibition di un solo giorno, la mostra della giovane artista marchigiana Ambra Lorito a cura di Milena Becci

Sabato 21 maggio alle ore 18 nello studio fotografico Pelicula, torna, dopo più di tre anni di assenza, SONDARE L’ALTROVE, il percorso di accoglienza nello spazio pesarese del fotografo Michele Alberto Sereni iniziato nel 2018 che prevede l’apertura dello studio per un progetto espositivo della durata di una singola giornata. Questa volta protagonista è Ambra Lorito, una giovane artista marchigiana, con la sua personale ETICA MAGNETICA, a cura di Milena Becci. Organizzato in collaborazione con l’associazione culturale Le Nuove Stanze, l’evento sarà visitabile fino alle 20.

Il 21 maggio, per il quarto appuntamento di SONDARE L’ALTROVE, sarà la volta di Ambra Lorito. All’interno dello studio fotografico si svolgerà una performance dal titolo È partita che si gioca, per l’appunto, attorno a una scacchiera in ceramica realizzata dall’artista. Due performer saranno invitati dai visitatori a compiere le mosse dopo aver fatto vibrare le sculture tattili sonore di Lorito che portano sul capo. Nessun vincitore, nessuna regola, alcuna strategia mentale ma l’eterna battaglia tra materia e spirito, bene e male, bianco e nero, condotta collettivamente in una sorta di festa in cui tutti siamo i protagonisti, connessi tra di noi. Il gesto della mano del pubblico sul copricapo attiva un movimento che concatena una serie di azioni in cui non c’è differenza tra istante e eternità: l’uno è nell’altro. Sulla base in ceramica ogni singola pedina è stata modellata dall’artista riflettendo, con grande fantasia, su un suo ipotetico ruolo nella società: tra gli altri appaiono le torri della fortezza, i cavalli galoppanti dalle narici arroganti, l’alfiere punkresta, il re nudo e la regina corallo. Nessuno di noi vincerà o perderà ma ci sarà consapevolezza di una ciclicità e di legami che sono inscindibili.

Un Giardino magnEtico scende dal soffitto composto da vasi di terracotta in cui è stato piantato, a testa in giù, il pothos. Il nome di questo vegetale, di origine greca, racchiude un doppio significato: “desiderio” e “lutto”. Esso veniva usato sin dall’antichità nei cimiteri per esprimere quel senso di eternità che rassicura ogni essere umano e vivente; ha la capacità di purificare l’aria e armonizzare gli ambienti e Lorito ha sempre avuto una grande attrazione verso le sue lunghe liane aeree e le sue foglie a forma di cuore. L’installazione è una prova tangibile dei meccanismi dell’Universo racchiusi nel microcosmo.

Un altro lavoro presente in mostra, Ermes, è formata da due sculture tattili sonore, una bianca e una bruna, appese ad altezza uomo in modo di poter essere suonate dai presenti e visivamente collegate ad altre opere a parete posizionate davanti al Giardino magnEtico. Ogni elemento è connesso all’altro in un ambiente che esplicita sinergie e armonie, partendo dallo scatto fatto da Sereni a Ambra Lorito, simbolo di una vicinanza umana e artistica. L’azione della performance, che non può esistere senza il pubblico, è fondamentale tanto quanto il suono delle sculture e, metaforicamente, tanto quanto la linfa delle piante trasportata dai miceli che son nati nei vasi dei pothos. Si va a sondare l’interno e l’esterno fino ad arrivare alla bussola che serve ad orientarci: Etica magnEtica è anche il titolo dell’ultima opera in mostra che accompagna i visitatori ad uscire, è un punto di domanda che ci fa riflettere quando, alla fine del percorso, ci interroghiamo su dove andare, su che posizione prendere. Il nord è la direzione chiara segnata dall’ago e può essere scelta o scartata per sondare altri mondi.

SONDARE L’ALTROVE
è esattamente ciò che accade quando l’intenzione è quella di includere, accogliere, comprendere e rigenerare di volta in volta uno spazio. Un luogo di lavoro, di attività certosina e progettazione, apre, o meglio spalanca, le sue porte per dare ospitalità all’Altro e per giungere all’Altrove. Cosa succede se le convergenze del sentire si attivano? Esiste un modo in cui le posizioni prendono forma e danno vita a nuove realtà dove le ruote che girano a vuoto di Wittgenstein invertono il loro andamento e interagendo iniziano a produrre effetti e casualità? È qui che il processo di stasi avvia finalmente un nuovo corso e nuove energie latenti emergono in modo più o meno marcato, sviluppano nuovi piani di profondità e prospettive trasversali, generano un ampliamento del senso comune e della visione. Così nasce questo progetto, con l’intento di integrare l’estraneità, renderla comunicante e portatrice empatica, e duttile, verso una continua osmosi del linguaggio, cercando anche nella più pallida astrazione il senso rivelatore di insolite possibilità. La direzione dell’Altrove non ha né limiti né punti di partenza e di arrivo, è direzione, è forza che va a Sondare, ad esplorare l’ignoto rispetto al vissuto di quel luogo laborioso. Tutto è altro rispetto all’altro, ma nulla esiste in relazione esclusiva a se stesso. Michele Alberto Sereni ha deciso di ospitare all’interno del suo studio, insieme all’artista Nevio Mengacci e alla curatrice Milena Becci, mostre personali di artisti del panorama nazionale contemporaneo, in un susseguirsi di flash exhibition della durata di una sola giornata in cui l’incontro è fondamentale. Un’istantanea scattata di volta in volta nello stesso luogo ma a diversi protagonisti dell’arte.

Info: +39 329 4969275 | serenimichelealberto@gmail.com

BIOGRAFIA
Classe 1992, Ambra Lorito vive e lavora nel suo studio artistico l_a_l_t_e_r_n_a_t_i_v_a situato in un piccolo borgo dell’entroterra marchigiano, Castel Santa Maria (MC), immerso nella natura.

Le sue opere sono frutto di una ricerca tuttora in atto che parte dall’oggetto, passa per la sperimentazione sonora e approda alla realtà tramite processi relazionali, con un approccio originale. Una pratica artistica che emerge dall’esperienza personale e si anima attraverso il rapporto con l’altro sia esso persona, cosa animale, pianta o spazio. Diplomata in Scultura all’ABA di Urbino, partecipa a numerose mostre in spazi pubblici e privati in Italia e all’estero. Mostre personali: Utopian World, PXL-Mad (Hasselt, Belgio 2017), Utopian World, Museo Tattile Omero, Mole Vanvitelliana (Ancona 2017). Principali mostre collettive: The Passing, Galleria Zamagni, Rimini (Giugno 2021), 4 Here – Cavallerizza Irreale (Torino 2019), Matera Mater Terra (Matera 2019), Rito della Luce, Fiumara d’Arte, Antonio Presti (Sicilia 2019). Premi e residenze: Residenza FONTD’ART arte transdisciplinare (Osimo 2019), Progetto DAF struttura, Artissima (Oval Lingotto 2018), Biennale di Arte Contemporanea (Viterbo 2016). On line exhibition: La creatività non si ferma, Centro Arti Visive Pescheria (4 Maggio 2020), Samma Gallery (Giugno 2020).

SONDARE L’ALTROVE – ETICA MAGNETICA
Pelicula studio fotografico // Centro Comm.le Mimosa, via Federici, Pesaro (PU)

Personale di Ambra Lorito a cura di: Milena Becci
Progetto di: Pelicula studio fotografico In collaborazione con: Le Nuove Stanze
21 maggio 2022
Orario: 18.00 // 20.00
Ingresso: libero Info: +39 329 4969275 | serenimichelealberto@odiolamelacotta

Comune di Pesaro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...