“Gli illegali” di Piernicola Silvis

Università dei Saperi “G. Grimaldi”

Presentazione libro, giovedì 22 luglio alle 19 al Cortile del Nespolo a Fano. L’autore converserà con Lorenzo Furlani

FANO – Giovedì 22 luglio alle 19 nel Cortile del Nespolo di Palazzo Bracci-Pagani, presentazione del libro “Gli illegali” di Piernicola Silvis, organizzata dall’associazione Università dei Saperi “G. Grimaldi” di Fano. L’autore converserà con il giornalista Lorenzo Furlani.

Dirigente generale della Polizia di Stato in quiescenza ed ex Questore, Silvis ha esordito nella narrativa nel 2006 con il romanzo “Un assassino qualunque” (Fazi), seguito da “L’ultimo indizio” (Fazi 2008). Tra gli altri suoi romanzi, “Gli anni nascosti” (Cairo 2010), “Formicae” (SEM 2017), “La lupa” (SEM 2018).

In “Gli illegali” (SEM 2019), finalista del Premio Bancarella 2020, ritroviamo Renzo Bruni, il personaggio eroe, protagonista degli ultimi due libri dell’ex questore foggiano, ormai scrittore a tempo pieno, apprezzato in Italia e tradotto all’estero. Il primo dirigente di Polizia bergamasco sta lavorando nella realtà napoletana per fare luce su un caso che coinvolge magistrati e avvocati. In una notte di pioggia, viene ucciso Raffaele Esposito, stimato prefetto in pensione in procinto di pubblicare un esplosivo memoriale che avrebbe coinvolto influenti personalità del Paese. Il capo della Polizia invia sul posto Renzo Bruni e la sua squadra che concentrano le indagini su un equivoco avvocato, scoperchiando torbidi interessi e violenti crimini all’interno del mondo delle toghe.

http://www.unisaperi.it

Andreina Bruno per

UNIVERSITÀ DEI SAPERI GIULIO GRIMALDI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...